Facebook_Michel_Foucaulthttp://www.rsi.ch/rete-due/programmi/cultura/laser/Foucault-30-anni-dopo-1126705.html

Foucault 30 anni dopo, Radiotelevisione Svizzera, Rete Due, 18-19 giugno 2014

Oggi c’è una cosa importante che mi sembra scomparire sotto la valanga di commenti all’opera di Michel Foucault. E’ la pulsione radicalmente sovversiva che muove la sua pratica intellettuale. In un’intervista Foucault parla del concetto di rétivité, vale a dire di una riluttanza in senso forte. Penso che oggi bisogna ritrovare questa radice profonda del suo pensiero: la capacità di resistere. Foucault stesso fu un pensatore e un uomo pubblico in costante tensione contro, sempre pronto a opporsi e a smantellare i dispositivi di potere.

Oltre a tutti gli apporti indispensabili di Foucault a molti ambiti di pensiero, penso sia importante l’aspetto esplosivo della sua opera. […] Dobbiamo cercare di affermare questa ricchezza contro i commentatori universitari, contro gli odiosi imbalsamatori di Foucault, che cercano di sterilizzare il suo pensiero attraverso l’Università, neutralizzandone la carica sovversiva.

Didier Eribon, “Lo spettro di Foucault” (puntata del 19 giugno 14)

Annunci