Giochiamo a perderci, da bambini. Giochiamo a perderci per tutta la vita. L’uomo conserva, nel suo essere più profondo, quest’ansia pura di eterno smarrimento. L’uomo gioca perché giocando perde; o può perdere qualcosa, e può perdere col gioco qualcosa di sé. L’uomo gioca perché perde; altrimenti non giocherebbe. Quando vuole vincere è per perdere ancora: per perdere ancora di più, e sempre. L’uomo cerca di perdersi, nel gioco come in tutto. E non sempre vi riesce.

José Bergamin, La bellezza e le tenebre