Morte di Sardanapalo, 1827Eugène Delacroix, Morte di Sardanapalo, 1827

Più di una volta mi è occorso, mentre lo guardavo, di fantasticare intorno agli antichi sovrani del Messico, a quel Montezuma la cui mano esperta nei sacrifici poteva immolare in un sol giorno tremila esseri umani sull’altare piramidale del Sole, oppure a qualcuno di quei principi indù che, tra gli splendori delle feste più superbe, portano in fondo agli occhi una sorta di cupidigia inappagata e un’inspiegabile nostalgia, qualcosa come il ricordo e il rimpianto di cose sconosciute.

Charles Baudelaire, Scritti sull’arte